L’Associazione offre l’opportunita di ottenere un parere legale a fronte di un’offerta a proprio favore, nei seguenti settori:

IN SEDE PENALE

  • – per difesa dell’imputato, costituzione di parte civile per soggetti offesi dal reato, con particolare riguardo alle vittime, minori e non, di abusi sessuali;
  • – per assistenza nel procedimento a carico di minorenni avanti it Tribunale dei Minori, introdotto dal DPR 22/09/1988 n. 448;
  • – nella fase esecutiva avanti it Tribunale di Sorveglianza e il Magistrato di Sorveglianza.

IN SEDE CIVILE:

– per patrocinio in materia di diritto di famiglia (separazione, divorzio, volontaria giurisdizione);

– per patrocinio avanti il Giudice Tutelare;

– per patrocinio avanti il Tribunale dei Minori in sede Civile per le pratiche di decadenza dalla potestà      genitoriale sui figli ex artt. 330 e 333 c.c.;

– per risarcimento danni da sinistri stradali e da responsabilità professionale medica.

Se, allo studio della pratica, dovrà seguire attività processuale, per quest’ultima il legale presterà la propria opera in regime di Patrocinio Gratuito a Spese dello Stato , a condizione che it soggetto possegga i requisiti per esservi ammesso. In caso negativo, l’attività del legale dovrà essere remunerata, secondo i parametri medi della tariffa professionale.

Si specifica che, per essere ammessi al patrocinio a Spese dello Stato è necessario che il richiedente sia titolare di un reddito annuo imponibile, risultante dall’ultima dichiarazione, non superiore ad € 11.528,00.

Se l’interessato convive con il coniuge o altri familiari, il reddito, ai fini della concessione del beneficio, è costituito dalla somma dei redditi di tutti i componenti la famiglia. Solo in ambito penale il limite di reddito è elevato di € 1.032,91 per ognuno dei familiari conviventi.

Per qualsiasi informazione potete scrivere a:

Cristina Contini [email protected]